Seguici su
Cerca

Villa Caristo

Villa Caristo è una prestigiosa dimora settecentesca, unico esempio di arte barocca in Calabria.
Indirizzo Cda Scinà, Stignano RC, Italia
Punti di contatto
Cap 89040
Servizi presenti nel luogo

Ristorante, camere d'Hotel, organizzazione matrimoni

Modalità di accesso

Accesso tramite scalinate e rampe. Ampio parcheggio per auto vicino ingresso della struttura

Luogo magico di squisita eleganza. La leggenda vuole che Villa Caristo sia stata edificata sulle rovine di una villa di epoca romana appartenuta al patrizio romano Stenius da cui sarebbe poi derivato il nome dell'attuale Stignano.
Finora non sono stati eseguiti studi e ricerche approfonditi per conoscere l'architetto che progettò e realizzò questo magnifico palazzo e il parco circostante,veri ed unici gioielli che richiamano per stile, ricchezze ornamentali ed eleganza, le ville vesuviane. Secondo l'opinione più accreditata infatti, tale villa sarebbe da attribuire ad epigoni del Vanvitelli o del Sanfelice o del Vaccaro, che la idearono, spronati dal fervore edilizio avvenuto nel napoletano durante il periodo borbonico.
Col trascorrere degli anni, oltre all'insulto del tempo, la villa subì gravi ed irreparabili spoliazioni: a ragion veduta si calcola che circa un centinaio di statue di marmo di Paros furono sottratte furtivamente per abbellire ville signorili del vicinato.

La deliziosa fontana dei delfini, in fondo al belvedere straordinariamente elegante nel suo impianto semplicistico, fa ricordare la statua di Leda e il Cigno collocata nella fontana allegorica di Villa Signorino a Ercolano, di attribuzione Vaccariana. La facciata della villa, costituita da un'imponente costruzione a due piani, accoglie una scala a 'tenaglia', elemento presente anche nella villa del principe Spinelli di Tarsia, eseguita dal Vaccaro. Ai piedi della scala, centralmente, vi e' il gruppo marmoreo raffigurante Tancredi che battezza Clorinda morente (canto XII della Gerusalemme Liberata), unico in Italia e nel Mondo.

La Villa suddetta, un esempio piu' unico che raro, fu definita dal Frangipane, critico d'arte calabrese, 'la piu' bella e la piu' architettonica della regione, degna dei dintorni di Napoli, come di Torino settecentesca e di Catania barocca'. Al piano terra è posta una cappella gentilizia con tre altari, che conserva una statua di San Leonardo e due affreschi accreditata sulla sua edificazione dà a Vanvitelli la paternità dell'opera, anche se risulta certo che la costruzione avvenne con l'ausilio di maestranze locali. Al piano superiore, invece, due ampie terrazze e un sontuoso salone, sul cui tetto è raffigurata in maniera superba la dea Venere. All'esterno si trovano le sue tre fontane: la prima è sormontata da una scultura che raffigura Tancredi nell'atto di salvare Clorinde; la seconda (Fontana degli Specchi) domina il belvedere ed è sormontata da alcune tazze poligonali e circolari in marmo; la terza, quella dei delfini, separa la struttura dalla piscina. Vi si accede tramite una snella scalinata che conduce direttamente al piano superiore.

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli?
2/2
Inserire massimo 200 caratteri
È necessario verificare che tu non sia un robot
Cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy